Soppressata

E’ uno dei prodotti tipici dell’Irpinia che si fa apprezzare per il gusto ed il sapore inconfondibile. Il metodo di lavorazione avviene secondo l’antica ricetta contadina: carni fresche  accuratamente selezionate, grasso consistente tagliato a dadini. Il tutto conciato con sale, pepe nero intero e macinato.

Disponibile

Produzione soppressata

La carne utilizzata per confezionare le soppressate è la carne “bianca” (prosciutto e filetto) di prima scelta, macellata fresca, mediante la tecnica definita “punta di coltello”, un taglio grossolano che consente alla carne di rimanere molto compatta e mantenere così una peculiare integrità organolettica.

La carne così tagliata viene poi condita semplicemente con sale, grani di pepe interi e peperone essiccato in polvere. Successivamente, viene infilata in un budello naturale e legata con spago per compattarne il contenuto. Viene poi lasciata ad essiccare, per circa 50 giorni, a seconda del diametro, perdendo il 30% del suo peso originario.

L’essiccazione ottimale va fatta ad umidità e temperatura controllata (un innalzamento repentino della temperatura può provocare il “buco” all’interno del salume, e rovinarne alcune peculiari caratteristiche).

Ingredienti: prosciutto o filetto, sale marino, pepe.

Odore e Colore: Odore Intenso, aromatico e gradevole. Colore:Rosso (parte magra) Bianco (parte grassa)
Pezzatura singola disponibile: circa 300 g.