Biancaniello Da allevamenti allo stato brado alla tua tavola!

Capicollo

Il capicollo, o capocollo, è un insaccato prodotto utilizzando un taglio di carne ricavato dal dorso del collo del maiale, da cui si fa derivare il nome. In Campania la sua produzione è diffusa in tutta la regione, in particolare nelle aree interne come la Bassa Irpinia, l’entroterra napoletano, l’alto casertano. è costituito da un unico taglio di carne intero, che viene salato e aromatizzato con spezie, insaccato, affumicato e lasciato stagionare da 2 a 4 mesi. Il capicollo presenta un diametro di circa 10-15 centimetri e una lunghezza di 30- 40 centimetri, è particolarmente profumato e ha una consistenza morbida e un gusto deciso e aromatico.

Produzione del Capicollo

Dopo aver isolato la massa muscolare del taglio prescelto, c’è la fase della rifilatura che serve a togliere il grasso in eccesso e a dare ai salumi la loro tipica forma ovaleggiante. Terminata la fase della rifilatura si procede con quella della salatura, seguita dalla rivestitura delle carne nel budello dell’animale e infine dalla legatura, il passaggio che precede la fase finale della stagionatura che va dai 2 ai 4 mesi.

Ingredienti: coscia di suino italiano, sale marino.

Gusto e Sapore: colore vivace, gusto ricco e persistente, risultato di una perfetta salagione, speziatura equilibrata, buona stagionatura.
Come gustarlo e abbinarlo: possiamo gustarlo con pani di semola di grano duro e abbinarlo ad un Aglianico.
Pezzatura disponibile: 30 – 40 cm, larga circa 10 – 15 cm.

Il capicollo, o capocollo, è un insaccato prodotto utilizzando un taglio di carne ricavato dal dorso del collo del maiale, da cui si fa derivare il nome..